I cookie ci aiutano a fornire in modo adeguato i nostri contenuti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. 

La morte dei tre alpinisti precipitati domenica scorsa per 800 metri dal Colle Gnifetti sul Monte Rosa, aumentando la già lunga catena di tragedie di questo agosto, ha riacceso il tema della sicurezza in montagna e della "montagna assassina". Quest'ultimo incidente è stato causato dal cedimento della cornice di neve su cui procedeva la cordata. Fatalità, sottovalutazione di elementari regole di sicurezza e dei bollettini meteo, imprudenza, insufficiente preparazione al precorso affrontato? queste le domande che a posteriori ci si pone e che i media portano all'attenzione del pubblico.

Antonio Montani interviene per il Club Alpino Italiano a RAI 1 mattina estate in tema di frequentazione e sicurezza in montagnaAntonio Montani, nostro Vicepresidente generale, è stato invitato alla trasmissione Uno Mattina Estate per esporre il punto di vista del Club Alpino Italiano su queste tragedie e sulla prevenzione.

Alla domanda se è la montagna che uccide o se si è vittime di imprudenza o imperizia, Montani risponde che non è la montagna che uccide, ma che esiste sempre una componente di incertezza in ogni attività della vita legata anche a impreparazione e a volte imprudenza o non competenza su quello che si va ad affrontare. Mentre nulla è possibile fare contro la fatalità, il CAI fa molto in tema di conoscenza introducendo le persone alla frequentazione in sicurezza della montagna provvedendo ad una costante preparazione sia tecnica che culturale.

Ci sono regole, ci sono le guide che sconsigliano determinati percorsi a causa delle alte temperature in quota che rendono i ghiacciai instabili con crolli frequenti, però taluni continuano nonostante questo a salire dove non dovrebbero; esistono multe per chi non rispetta le regole? l'accesso è comunque sempre libero a chiunque e ovunque? Montani risponde che grazie al cielo non sono previste sanzioni e l'unico modo di intervenire è l'autodisciplina che nasce facendo regolare informazione e formazione. Ricorda che degli oltre 8000 interventi annuali del Soccorso Alpino, più della metà sono rivolti ai cercatori di funghi, frequentatori di una montagna diversa da quella in questione, più accessibile, ma altrettanto pericolosa se affrontata senza adeguata preparazione.

Riguardo alla questione climatica, fino a che punto è responsabilità del turista stesso capire come le condizioni meteo possono condizionare il suo percorso in montagna? Se si parla di turista, ribadisce Montani, va detto che chi non ha buona preparazione deve affidarsi a professionisti quali le Guide alpine; mentre chi vuole approcciare la montagna in autonomia dovrebbe rivolgersi al CAI che, tramite i propri corsi, i propri istruttori, le proprie Sezioni, provvede alla formazione con un approccio graduale, per garantire la propria sicurezza che comunque in montagna non è mai da considerare assoluta.

Questo il link a Uno Mattina Estate del 30 agosto;per l'intervento di Montani posizionarsi con il cursore da 1:15:08 fino a 1:24:00. 

PROSSIME ESCURSIONI ED ATTIVITÀ SEZIONI CAI EST MONTE ROSA

E' la sintesi del programma che le Sezioni CAI Est Monte Rosa propongono a breve termine.
Il calendario completo con tutte le informazioni e con possibilità di selezione combinata per periodo, Sezione, attività e difficoltà di percorso è visibile in 'Calendario escursioni sezionali'.
Il programma esposto può subire variazioni o annullamenti (condizioni meteo avverse o altro).
Suggeriamo quindi a chi volesse partecipare, di informarsi visitando i siti internet delle Sezioni o telefonando alle segreterie sezionali o ai responsabili delle singole attività.

A causa dell'Emergenza Coronavirus le escursioni sociali devono rispettare regole precise che permettono di mantenere la sicurezza sanitaria.
Queste regole e accorgimenti, elaborate dalla Commissione centrale escursionismo, richiedono che ogni attività, anche se precedentemente approvata, dovrà essere nuovamente deliberata nella sua completezza dai Consigli direttivi sezionali.
Per questo motivo le escursioni programmate sono soggette a sospensioni, modifiche o annullamenti, si consiglia quindi di riferirsi alle indicazioni aggiornate dei siti sezionali.

Le attività del Club Alpino Italiano e le regole e accorgimenti da rispettare

DataSezioneAttivitàDescrizione

 
Novembre/
Dicembre
PallanzaAppuntamenti tradizionali Cena sociale
Data e luogo da definire
DicembreOmegnaEscursionismo Arriviamo con calma
DicembreGravellona ToceAppuntamenti tradizionali Pranzo sociale
5DicembreGozzanoAppuntamenti tradizionali Cena Sociale con premiazione Soci - sabato - nuova data evento
6DicembreNovaraEscursionismo culturale Santuario Mariano della Beata Vergine del Soccorso di Ossuccio.
13DicembreVarzoEscursionismo con ciaspole Escursione natalizia con auguri
13DicembreGozzanoAppuntamenti tradizionali Santa Lucia in Barro con pranzo
16DicembreVerbano IntraAttività culturali Serata di condivisione di fotografie a cura del Gruppo Foto CAI Verbano - Fotografi: da proporre.
Serata annullata.
18DicembreBavenoAppuntamenti tradizionali Tradizionale rinfresco Auguri di Natale
18DicembreBorgomaneroAppuntamenti tradizionali Serata degli auguri presso la sede sociale. Consegna degli aquilotti
18DicembreGozzanoAppuntamenti tradizionali Scambio auguri in Sede - venerdì - arriva Babbo Natale
18DicembreOmegnaAppuntamenti tradizionali Serata Natalizia

Partita I.V.A.  01925170035