I cookie ci aiutano a fornire in modo adeguato i nostri contenuti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. 

«La nostra è stata una testimonianza di un gruppo di persone, che ama la montagna per i suoi silenzi e per la sua bellezza».
Nicola Pech, tra i promotori di «No eliski in val Formazza» racconta così l'evento che si è svolto domenica 29 marzo 2015.
In 60 al raduno scialpinistico in Val Formazza per dire ''no eliski'': foto di gruppo al Vannino«Eravamo più di sessanta, c'erano i rappresentanti di Mountain Wilderness, le guide alpine Marco Tosi e Alberto Paleari, erano rappresentate le sezioni CAI Est Monterosa - aggiunge Pech - tutti insieme abbiamo percorso il tratto del Vannino fino al rifugio Margaroli e poi firmato il libro del rifugio. Visto il successo dell'iniziativa, proporremo nuovi incontri per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema» conclude.
La fruizione della montagna con l'elicottero è un fenomeno in espansione sulle Alpi, soprattutto italiane, forse anche per le restrizioni nelle altre nazioni alpine. In Svizzera vi sono pesanti limitazioni a questa pratica, mentre in Francia esiste addirittura un divieto, così come la pratica non è ammessa in Germania, Slovenia e Liechtenstein.

Regolamento regionale
Non vi è invece regolamentazione a livello regionale in Piemonte, tanto che dopo l'incidente di venerdì a Cesana, dall'amministrazione regionale è stata espressa l'intenzione di regolamentare la materia.

«Spesso vengono citate a favore della pratica dell'eliski ragioni economiche e di ritorno sul territorio - spiega Pech - ma in realtà poiché è ovvio che la fruizione della montagna con gli elicotteri è di fatto incompatibile con quella degli sci alpinisti, che amano il silenzio e la tranquillità, il rischio più che concreto è che alla fine questi ultimi abbandonino la montagna, con ricadute negative sul territorio».

Fonte: La Stampa / loscarpone.cai.it

Una carrellata di rassegna stampa, opinioni e discussioni sul tema:  

Eliski: la posizione del Club Alpino Italiano

No eliski in Valmalenco (né altrove sulle Alpi)! (banff.it)

Lettera aperta a Sergio Chiamparino (banff.it)

No eliski nel futuro della montagna perché dannoso e anti-economico. Dall’Ossola un documento di riflessione e discussione (mountcity.it)

“L’eliski è un bene per l’economia dei nostri territori” In un documento congiunto i sindaci di Macugnaga e Formazza spiegano gli effetti positivi (lastampa.it)

NO eliski in Val Formazza (né altrove nelle Alpi) (banff.it)

Eliski in Val Formazza? C’è chi dice no! (altitudini.it)

Contro l'elisky sulle Alpi, ieri raduno in Val Formazza (vcoazzurratv.it)

Valanghe: Regione Piemonte regolamenterà eliski (vcoazzurratv.it)

In Val Formazza in Eliski? Noi preferiamo fatica, solitudine e silenzio (viaggiatoricheignorano.blogspot.it)

In 60 al Vannino per dire no all'eliski (ecorisveglio.it)

La protesta anti eliski sotto il cielo limpido della Val Formazza. E intanto la giunta Chiamparino annuncia “approfondimenti” (mountcity.it)

Le ragioni del “No eliski” non sono quelle della sicurezza (banff.it)

NO Eliski sulle Dolomiti (facebook.com/noeliskisulledolomiti)

In sessanta a Formazza per dire no all’eliski (lastampa.it)

 

Partita I.V.A.  01925170035