Il programma delle escursioni ed attività qui esposto, inserito all'inizio dell'anno sociale delle Sezioni, viene via via integrato per offrire maggiori dettagli informativi e potrebbe subire variazioni o annullamenti (condizioni meteo avverse o altro). Suggeriamo quindi a chi volesse partecipare, di informarsi visitando i siti internet delle Sezioni o telefonando alle segreterie sezionali o ai responsabili delle singole attività.
Ricordiamo che le escursioni sono aperte a tutti i soci del CAI in regola con il tesseramento.
I non soci, per poter partecipare, devono obbligatoriamente prima dell’uscita escursionistica, dare l’adesione informando la Sezione proponente e versare in tempo le quote necessarie per dar corso alle coperture assicurative, rispettando gli orari di apertura delle segreterie sezionali.

A causa dell'Emergenza Coronavirus le escursioni sociali devono rispettare regole precise, elaborate dalle Commissioni centrali, per permettere di mantenere la sicurezza sanitaria.
Le escursioni programmate potrebbero essere soggette a sospensioni, modifiche o annullamenti, si consiglia quindi di riferirsi alle indicazioni aggiornate dei siti sezionali.

Le attività del Club Alpino Italiano e le regole e accorgimenti da rispettare

Da anno  mese Ad anno  mese Sezione 
Settore cartografico  
Attività  Difficoltà 
Il Club Alpino Italiano ha definito una scala delle difficoltà sulla base delle seguenti caratteristiche:

- il fondo del terreno
- la lunghezza del percorso
- il dislivello e la quota
- l’esposizione
- le eventuali difficoltà di orientamento.


Raggruppate nelle seguenti categorie:

Sentiero Turistico “T”
- stradine, mulattiere e sentieri comodi privi di tratti esposti
- durata massima del percorso di h. 2-3 di cammino ben segnalato e senza problemi di orientamento
- quota massima inferiore ai m. 2.000.
Sentiero Escursionistico “E”
- sentieri e tracce più o meno sconnesse
- tracciati su pendii ripidi dove si prevede l’uso delle mani per mantenere l’equilibrio
- percorsi dove è possibile la presenza di brevi tratti innevati
- itinerario su terreno facile ma di durata superiore alle 3 h.
- territorio che può presentare problemi di orientamento
- quote superiori ai m. 2.000
Sentieri per Escursionisti Esperti “EE”
- tracce su terreno impervio e/o scivoloso
- pietraie di alta quota
- tratti privi di segnalazione e di punti di riferimento noti
Sentieri per Escursionisti Esperti Attrezzati “EEA”
- vengono definiti tracciati EEA i percorsi attrezzati con corde fisse, catene o scale (ferrate)
- percorsi che devono essere affrontati con adeguata esperienza e attrezzatura.

Valutazione d’insieme delle difficoltà alpinistiche è la valutazione complessiva del livello globale richiesto da un’ascensione, che tiene conto delle difficoltà su roccia e della caratteristica della via.
Viene espressa mediante le sigle seguenti ed è completata dall’indicazione dei passaggi di massima difficoltà:

F = facile
PD = poco difficile
AD = abbastanza difficile
D = difficile
- GA: Guida Alpina
- AGA: Aspirante Guida Alpina
- CAAI: Club Alpino Accademico Italiano
- INA: Istruttore Nazionale di Alpinismo
- IA: Istruttore di Alpinismo
- INSA: Istruttore Nazionale di Sci Alpinismo
- ISA: Istruttore di Sci Alpinismo
- INAL: Istruttore Nazionale di Arrampicata Libera
- IAL: Istruttore di Arrampicata Libera
- INSBA: Istruttore Nazionale di Snowboard Alpinismo
- ISBA: Istruttore di Snowboard Alpinismo
- INSFE: Istruttore Nazionale di Sci di Fondo Escursionismo
- ISFE: Istruttore di Sci di Fondo Escursionismo
- INS: Istruttore Nazionale di Speleologia
- IS: Istruttore di Speleologia
- ISez: Istruttori Sezionali (Alp., Sci Alp., Arrampicata, ecc.)
- ANAG: Accompagnatore Nazionale di Alpinismo Giovanile
- AAG: Accompagnatore di Alpinismo Giovanile
- ASAG: Accompagnatore Sezionale di Alpinismo Giovanile
- ANE: Accompagnatore Nazionale di Escursionismo
- AE: Accompagnatore di Escursionismo
- ASE: Accompagnatore Sezionale di Escursionismo
- ASE-S: Accompagnatore Sezionale Seniores
- AE-C: Accompagnatore di Cicloescursionismo
- ASE-C: Accompagnatore Sezionale di Cicloescursionismo
- ENN: Esperto Nazionale Naturalistico
- ON: Operatore Naturalistico
- ONTAM: Operatore Nazionale Tutela Ambiente Montano
- ORTAM: Operatore Regionale Tutela Ambiente Montano
- STAM: Operatore Sezionale Tutela Ambiente Montano
- OG: Osservatore Glaciologico
- ENV: Esperto Nazionale Neve e Valanghe
- IPAI: Istruttore alla Prevenzione in Ambiente Innevato
- TPAI: Tecnico alla Prevenzione in Ambiente Innevato
Visualizza n. 
DataSezioneAttività Descrizione
20GiugnoGravellona ToceEscursionismo culturaleGli uomini delle terre alte, visita la villaggio Walser di Salecchio inf. e sup.
Partenza dalla località Passo, raggiungere il paese di Salecchio inferiore, proseguire per Salecchio superiore. Da qui raggiungere Ca´ Francoli , alpe Vova per poi scendere a Rivasco e tornare a Passo.
Gita che passa dagli alpeggi di Salecchio inferiore e superiore, e di Cà Francoli , magicamente conservati e tipiche della civiltà Walser, gli uomini delle terre alte.
Il percorso in discesa, che porta Rivasco, permette di ammirare una fantastica scala in pietra realizzata dall´uomo , capace di superare un notevole dislivello nel poco spazio a disposizione .

Difficoltà: E - Dislivello: m 850 - Tempo salita: 3 h 45 min - Tempo percorr.: 6 h 30 min
Partenza alle ore 9.00 da Partenza da Fraz. Passo di Premia
Info: Gianni 333 3320111 Gilberto 346 3775896
4LuglioGravellona ToceEscursionismoIl nuovo Bivacco Farello
Da Ponte Campo San Domenico raggiungere la piana dell´alpe Veglia.
Portarsi sino al rifugio Citta´ di Arona poi sul sentiero F22 proseguire sino al lago bianco a quota m 2157.
Raggiunto il lago bianco proseguire sino al Nuovo Bivacco Farello a quota m 2447.
Fare ritorno al lago bianco e ridiscendere alla piana del Veglia
Possibilità di sosta al lago bianco.
dislivello in salita sino al lago bianco m 850
dislivello in salita sino al Bivacco Farello m 1050.
Possibilità per la discesa di fare un giro ad anello, da appena sopra al lago bianco scendere a pian Sass Mor per il sentiero F22b, da qui proseguire sino al Pian dul Scric, da qui scendere all’alpe Stalaregno e per il sentiero F99c raggiungere l’alpe Veglia.

Difficoltà: E - Dislivello: m 1.050 - Tempo salita: 3 h 45 min - Tempo percorr.: 6 h 30 min
Partenza alle ore 8.30 da Partenza da Ponte Campo- San Domenico
Info: Gianni 333 3320111 Gilberto 346 3775896
18LuglioGravellona ToceEscursionismo culturaleGita al nostro rifugio all’alpe Corte Vecchio attraverso la linea Cadorna
Dalla punta di Migiandone prendere la strada militare e salire al forte di Bara da qui sempre su strada militare sino a raggiungere l’alpe Barumboda.
Proseguire non più su strada militare ma su sentiero militare sino all’ape Pacusboda.
Proseguire sino alla Capanna Legnano per poi raggiungere la Cappella del Bon Pastore ed infine il rifugio “Oliva Brusa Perona renato” all’alpe corte Vecchio.
Splendido percorso panoramico che ripercorre le linea di fortificazioni militari chiamate “ linea Cadorna”.
Interessante anche dal punto di vista culturale, oltre alle fortificazioni si incontrano alpeggi con rilevanze architettoniche , vecchie miniere abbandonate, dove si assapora il tempo passato in cui vivevano gli uomini delle terre alte.
Possibilità di pranzo al rifugio ( su prenotazione )
Discesa sempre su sentiero in mezzo al bosco sino ad Ornavasso
Difficoltà EE ( non ci sono difficoltà tecniche , ma la gita richiede un discreto allenamento )

Difficoltà: EE - Dislivello: m 1.325 - Tempo salita: 4 h 30 min - Tempo percorr.: 8 h 30 min
Partenza alle ore 8.00 da Partenza dalla punta di Migiandone- Ornavasso
Info: Gianni 333 3320111 Gilberto 346 3775896

Partita I.V.A.  01925170035